NoN MoLlArE MaI ●∞

“Volevo il movimento, non un’esistenza quieta. Volevo l’emozione, il pericolo, la possibilità di sacrificare qualcosa al mio amore. Avvertivo dentro di me una sovrabbondanza di energia che non trovava sfogo in una vita tranquilla.”
— Lev Tolstoj, La felicità familiare

tumirendidebole:

È il tuo momento. Se trovi questa immagine nella tua dash esprimi un desiderio e reblogga sperando che tutto andrà come desideri.

tumirendidebole:

È il tuo momento.
Se trovi questa immagine nella tua dash esprimi un desiderio e reblogga sperando che tutto andrà come desideri.

(via hoprovatoadimenticarti)

“Complimenti a chi aspetta e non crolla. Che ce ne vuole di coraggio ad aspettare chi non torna.”

—   __ via undisastrostupendo (via undisastrostupendo)

“Io non ce l’ho con quelli che se ne vanno, anche se lo fanno da un momento all’altro, anche se lo fanno senza un motivo, anche se lo fanno senza avvisare. Anche se scelgono sempre il momento peggiore per farlo. Ho smesso di avercela con loro, perchè mi facevano fissare un muro per giorni interi, domandandomi cosa avessi fatto, dove avessi peccato, in cosa avessi fatto troppo o troppo poco, tutte quelle domande che ti aiutano a convincerti che lo sbaglio più grande sei tu. Finisce che l’accetti, come unica umiliante risposta ai tuoi perchè. Non è così, l’ho capito ormai. Quindi io non me la prendo davvero più. Piuttosto ce l’ho a morte con chi ritorna. Vattene, abbandona, scappa, riempimi pure di dubbi, fammi stare male, lasciami di te solo troppi perchè senza risposta, fai quello che vuoi, ma non azzardarti a tornare.”

—   via iwillliveinayellowsubmarine (via poppicioppi)

“Non tornare per poi andartene ancora. Non lo potrei sopportare.”

—   poi-scappiamo (via poi-scappiamo)

“Semplice orgoglio, insicurezza, chiamala come vuoi, sta di fatto che non trovano un motivo per tornare, ma nemmeno uno per andarsene davvero.”

—   (via collisione-di-stelle)

“Ti volevo scrivere, ma non l’ho fatto, ti volevo dire che si può tornare indietro, ma se non torni vuol dire che non vuoi, ti volevo dire che si può sperimentare, che possiamo avere un’occasione, ti volevo dire che le cose possono cambiare, che basta volerlo, si può ricominciare. Ti volevo dire che qui c’hai sempre due braccia che t’aspettano, che non faccio niente, non mi faccio sentire, ho accettato silenziosamente le tue scelte, non ho smosso il mondo non l’ho fatto. E non chiedermi perché, non te lo saprei dire. Ti volevo dire che anche se non ti cerco, se non ti scrivo, se non ti chiamo, ti penso. Ti volevo dire che a volte mi viene da prendere quel telefono e scriverti, e perdonami se non ho il coraggio di farlo, ti volevo dire che a volte vorrei lottare, ma non so se ci sia qualcosa per cui lottare, ti vorrei convincere che ne vale la pena, che potresti buttare tutto all’aria, ricominciare, e potresti non pentirtene.”

—   (via federicapulsoni)

“A tutti quelli che hanno creduto in qualcuno, a quelli che si sono illusi di essere amati, e che poi sono stati feriti e lasciati li da chi è riuscito a rimpiazzali in una settimana.. a tutti quelli che hanno ancora tanto amore da dare, e aspettano ancora chi venga a salvarli.. non mollate mai.”

—   (via vivilavitacheami97)

“Se lo vuoi davvero, corri a prendertelo”
Non sempre.
Ci sono quelle volte in cui davvero, davvero, non puoi fare più niente.
Non è questione di coraggio, di forza, di paura.
Hai perso, e alzarti significherà solo cadere un’altra volta.
Lo capisci?
Non puoi sempre alzarti e correre da chi vuoi.
Non puoi perché ti tremano le gambe e senti quel formicolio sulla schiena che precede un pianto molto doloroso.
Non puoi comporre il suo numero di cellulare, perché non riusciresti a sopportare il silenzio di chi non vuole rispondere.
Non puoi andare sotto casa sua perché una porta che non si apre fa troppo male.
Sapere che è a tre metri da te, ma non ti farà entrare.
Fa troppo male.
Non puoi sempre alzarti e correre da quella persona che ti manca.
A volte puoi solo fartela mancare.”

—   Francesco Roversi (via comeunastelladanzante)

“E quanto coraggio ci vuole a lasciare andare qualcosa che vorresti a tutti i costi restasse? Non è forte chi trattiene, chi stringe la morsa. E’ davvero forte chi capisce quand’è il momento di mollare la presa.”

—   (via liberiamoci)

“Vorrei avere il coraggio di venire da te e urlarti che si, cazzo, mi manchi da far schifo.”

—   tuseicomeunvizio (via tuseicomeunvizio)